Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Istituito il Parco archeologico di Tindari
    tindariIl Presidente della Regione, Nello Musumeci,...(100)
  2. Giunte comunali, aumenta il numero di assessori
    Immagine Pellegrino AssenzaVia libera dell’ARS alla nuova composizione...(106)
  3. Sant'Agata, commissariato di polizia: mozione della minoranza
    logo PsI consiglieri di opposizione al Comune...(94)
  4. Politica Sant'Agata. Intervista a Giuseppe Puleo
    InterPuleoIl consigliere del Partito democratico,...(204)
  5. Sant'Agata, opposizione propone trasferimento mercato
    Consiglieri SantI consiglieri comunali Carmelo Sottile,...(134)
  6. Bio Distretto dei Nebrodi, martedì assemblea generale
    Si terrà martedì 19 Marzo alle ore 17.00,...(84)
  7. Donazione degli organi, è polemica a Messina
    donarevitaNei giorni scorsi la dottoressa Bruna Piazza,...(207)
Sant'Agata, sabato la rappresentazione di "Miseria e nobiltà"
Venerdì 29 Giugno 2018 08:16

locandina teatro miseria e nobiltaÌ-30giugnoIl Nuovo Gruppo Artistico Santagatese rappresenterà sabato 30 giugno, nel piazzale del Sacro Cuore con ingresso gratuito, la commedia brillante in due atti "Miseria e Nobiltà" di Eduardo Scarpetta, in una versione in dialetto siciliano.
da C.S.

E' un classico del teatro napoletano (Napoli, dove l'opera buffa è nata), portato con successo al cinema da Mario Mattioli nel 1954 con protagonisti Totò e Sofia Loren. E' la commedia degli equivoci, ma è anche la commedia, inserita in un contesto storico-culturale di fine Ottocento, in cui è netta la dicotomia tra la miseria e la falsa nobiltà, la commedia in cui i due mondi si incontrano e spesso si sovrappongono, che si evolve con risvolti grotteschi e che ha come tema di fondo la fame e la miseria. La trama gira attorno all'amore del giovane nobile Eugenio per Gemma, figlia di Gaetano, un cuoco arricchito. Il ragazzo è però ostacolato dal padre, il marchese Favetti, che è contro il matrimonio del figlio per via del fatto che Gemma è la figlia di un cuoco. Eugenio, per trovare una soluzione, si rivolge quindi a due spiantati, Pasquale e Felice, che assieme alle rispettive famiglie, si introdurranno a casa del cuoco fingendosi i parenti nobili di Eugenio. La situazione si ingarbuglia poiché anche il vero Marchese Favetti è innamorato della ragazza, al punto di frequentarne la casa sotto le mentite spoglie di Don Bebè. Il figlio, scopertolo e minacciatolo di rivelare la verità, lo costringerà a dare il suo consenso per le nozze. Alla fine la fame resta e la nobiltà non esiste. Il Lavoro teatrale, con la regia di Rita Bartolo e Nino Ferrara, sarà inoltre rappresentato giorno 12 luglio ad Acquedolci, giorno 31 luglio a Torrenova ed il 7 agosto sarà replicato a Sant'Agata di Militello.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack