Pubblicità Commerciale

rotelli

marcazzo

 

 

 

 

 

 

  1. Elezioni regionali, analisi del voto dell'onorevole Pippo Laccoto
    Pippo LaccotoAd otto giorni dal voto per il rinnovo...(17)
  2. Democrazia Partecipata, il Consiglio nomina la commissione
    Sottile nostraSarà il Consiglio comunale che dovrà procedere...(19)
  3. Elezioni, coordinatore Diventerà Bellissima esprime soddisfazione
    IMG-20171110-WA0000Nota del coordinatore del comitato elettorale...(19)
  4. Sant'Agata, presto la gara d'appalto per i lavori allo Stadio Fesina
    stadio Fresina1Il funzionario responsabile dell'area...(11)
  5. Sant'Agata, 14 e 15 novembre torna la Fiera storica
    fiera1Si rinnova il tradizionale appuntamento con la...(23)
  6. Conclusa le tre giornate di formazione del COC
    coc1Oggi nella sala Convegni del Castello Gallego...(29)
  7. Sant'Agata, avvio del Reddito di Inclusione- sussidio in sostegno delle famiglie.
    inclusione1All'albo pretorio on line del Comune di...(21)
Incandidabile il sindaco di Longi? Ricorso dello sconfitto
Lunedì 11 Settembre 2017 07:16

ninofabio-150x150Nino-MiceliAntonino Fabio, incoronato primo cittadino di Longi, nella tornata elettorale dell'11 giugno scorso, deve essere dichiarato decaduto dalla carica, per incompatibilità: il fratello è presidente della Banca che gestisce la tesoreria comunale. Lo sostiene il candidato sindaco sconfitto, Antonino Miceli, impiegato dell'Ente Parco dei Nebrodi che, assistito dall'avvocato Ciro Gallo, ha presentato ricorso al Tribunale di Patti.

La competizione elettorale era stata incerta fino allo spoglio delle ultime schede che sancirono la vittoria di Fabio con 572 voti mentre a Miceli furono assegnati 511 voti: una vittoria risicata per soli 61 voti di differenza. A poco più di due mesi dall'elezione, il ricorso presentato da Miceli che sostiene che il fratello, del sindaco, Luigi Fabio, risulta essere presidente del Consiglio di amministrazione della "Banca di Credito Cooperativo Valle del Fitalia" di Longi, istituto di credito che gestisce il servizio di tesoreria comunale.

Miceli evidenzia quanto riportato dall'Ordinamento degli Enti locali in Sicilia che dispone "l'impossibilità di candidarsi alla carica di sindaco per chiunque abbia ascendenti o discendenti, parenti ed affini sino al secondo grado che già ricoprano posti di segretario comunale, appaltatore di lavori o servizi, esattore, collettore o tesoriere dello stesso comune". E proprio quest'ultimo passaggio è quello che dovrà principalmente prendere in esame, a partire dal 16 ottobre prossimo quando è prevista la prima udienza, il tribunale pattese.

Al sindaco Fabio l'incompatibilità era stata già contestata, in occasione della sua prima elezione, nel 2002 ma il ricorso venne rigettato perchè "la causa di incompatibilità non poteva essere applicata ai soci della cooperativa o a parenti che non hanno potestà amministrativa o poteri di rappresentanza".
La novità, sostiene ora Miceli, è rappresentata dal fatto che "la nuova legislazione in materia bancaria ha equiparato le banche cooperative come istituti di credito caratterizzati dalla solo finalità di lucro". Nel ricorso si fa anche riferimento al "condizionamento della libertà dell'esercizio di voto dettata dal rapporto parentale" tra il sindaco eletto ed il presidente dell'istituto bancario, "in ragione del contesto sociale nel quale l'istituto di credito opera e dell'influenza che alcuni soggetti possono esercitare nello stesso territorio proprio in virtù del ruolo ricoperto.

e-max.it: your social media marketing partner
 

Pubblicità Commerciale

lc
 
Villa Rantu
 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
logopromedia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Associazione Professionale per la Mediazione
Sede Operativa di Capo d'Orlando
Tel. 0941.902464
 
logo app 1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Joomla Templates by Joomlashack