Pubblicità Commerciale

Banner_9x5.jpg

 rotelli

marcazzo

 

 

 

 

 

 

  1. Militello Rosmarino, dopo tanti anni ripartirà l'orologio della Chiesa
    Orologio MilitelloLa nuova amministrazione comunale di Militello...(39)
  2. Parco dei Nebrodi e Scuole, incontro su biodiversità
    incontro scuoleSi è tenuto presso la Sede del Parco dei...(32)
  3. Sant'Agata, il sindaco Mancuso presenta la sua Giunta
    giunta mancusoPresentata la Giunta comunale di Sant'Agata...(52)
  4. Elezioni Sant'Agata, passo indietro di Marcello Donato Lemma
    marcello donato lemmaL'esponente della Lista del Popolo per la...(105)
  5. Parco dei Nebrodi, al lavoro il Comitato Tecnico Scientifico
    da sin tassi geracila rosa schneider e nicolosoGià al lavoro il Comitato Tecnico Scientifico...(97)
  6. Parte il Biodistretto dei Nebrodi
    Bio006Alla presenza del Presidente del Gal Nebrodi...(91)
  7. Sant'Agata, Calogero Lo Re non è candidato sindaco
    Calogero Lo ReL'avvocato Calogero Lo Re, primo cittadino di...(98)
Parola di Direttore. L'Ufficio Stampa crea fastidio?
Lunedì 04 Giugno 2018 09:59

Io1Mi hanno appena riferito che nel corso di un comizio elettorale in Piazza Crispi, ieri sera, un candidato della lista dello sfidante di Sottile, ha fatto riferimento all'Ufficio stampa del Comune. Consigliamo allo sprovveduto oratore (che non nomiamo per evitarci fastidi epidermici), prima di dare fiato alle corde vocali sarebbe opportuno essere informati ed evitare così palteali figuracce.

Editoriale di Nuccio Carrara

Ma cominciamo da principio! Gli uffici stampa nelle pubbliche amministrazioni sono previsti da precise leggi dello Stato e della Regione Sicilia (non le cito per non confondere di più il poveretto sprovveduto). E' opportuno comunque chiarire al disinformato consigliere, che l'Ufficio stampa in una pubblica amministrazione è al servizio dei cittadini e quindi si occupa di tutta l'attività istituzionale. Ed il disinformato si è superato quando ha chiesto con grande enfasi, al suo candidato sindaco di pagarsi lui l'ufficio stampa. Il sindaco infatti (sempre come prevedono le leggi) ma lo sprovveduto non lo sapeva, per promuovere la sua attività politica, può nominarsi, un portavoce. Che solo in Sicilia deve essere obbligatoriamente, anche lui, giornalista regolarmente iscritto all'Ordine. Per completezza è bene ricordare che il portavoce risponde al sindaco e segue i suoi destini e conclude il suo incarico con la conclusione del mandato di chi l'ha nominato, mentre l'Ufficio Stampa è organico all'Ente comunale.

E' poi veramente singolare che il poveretto che si propone come aspirante amministratore della città non sappia che l'Ufficio stampa a Sant'Agata è un'idea del suo candidato sindaco e risale al lontano 2006. La Giunta, il 25 giugno di quell'anno, approvò una delibera con la quale si avviava il procedimento per l'istituzione ma il bando venne impugnato dal sindacato dei Giornalisti perchè conteneva un passaggio, a dir poco bizzarro e contro ogni regola di legittimità: la selezione era riservata esclusivamente ai pubblicisti ed escludeva i professionisti. Come dire che per fare un progetto edilizio siano ammessi solo i geometri e vengano esclusi gli ingegneri. Evidentemente, o si ritiene che i primi siano più capaci ed abbiano più titoli dei secondi (e spesso può anche essere vero ma le leggi non consentono interpretazioni) o, probabilmente, chi bandisce la selezione ha già un'idea chiara di chi dovrà essere il prescelto.

L'amministrazione dell'epoca guidata dal candidato sfidante di Carmelo Sottile, non diede seguito a due lettere raccomandante dell'Assostampa che, il 25 agosto successivo, allo scadere del 60esimo giorno dalla delibera, fece notificare al sindaco pro-tempore, un atto stragiudiziale di diffida dal procedere con il bando. Era un caldo sabato di fine agosto quando l'ufficiale giudiziario bussò alla porta dell'allora sindaco!

Il martedì successivo venne convocata d'urgenza la Giunta e il bando venne revocato. Da quel momento nonostante altri 7 anni di quell'Amministrazione, non si parlò più di ufficio stampa.

Ne parlò invece, dopo il suo insediamento, il sindaco Carmelo Sottile che un paio di anni fa, consapevole di una legge nazionale, la 150 del 2000 e successivamente affiancata da norme regionali, responsabilmente convinto che i cittadini dovessero essere informati dell'attività istituzionali del Comune, avviò le procedure. In Consiglio comunale dove l'opposizione deteneva la maggioranza, la proposta venne bocciata e, naturalmente, i cittadini, ancora una volta, sono stati penalizzati e privati di un servizio informativo fondamentale per un Ente e per una città.

E allora? Niente! Resta ora solo da capire perchè il candidato consigliere che già in più occasioni, ivi compresa una seduta del Consiglio comunale, dove quasi mai è intervenuto, in cui si è vantato, insieme ai suoi compagni di schieramento di aver impedito l'istituzione dell'Ufficio stampa, ce l'abbia così tanto con l'informazione istituzionale commettendo gaffes a ripetizione e considerando una serie di leggi solo carta straccia.

Sicuramente chi assume tali atteggiamenti, (gravissimo se in malafede ma non lo è meno se per semplice ignoranza)  non è meritevole della fiducia da parte degli elettori. Chi è totalmente disinformato ed animato solo da inspiegabile livore e preconcetti anche di fronte a quanto previsto dal legislatore, non può certamente essere scelto e non merita di sedersi sui banchi del Consiglio comunale.

e-max.it: your social media marketing partner
 

NEBROS TV

 Per guardare i video cliccare sull'immagine del logo

NebroTv Logo

 

 

 

 

 

Pubblicità Commerciale

lc
      
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
logopromedia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Associazione Professionale per la Mediazione
Sede Operativa di Capo d'Orlando
Tel. 0941.902464
 
 
 
 
 
 

Spazio Pubblicitario Disponibile

Banner_9x5.jpg 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Joomla Templates by Joomlashack