Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Complesso Piraino Mare, minoranza denuncia ritardi negli interventi
    Il Gruppo consiliare Giovane e Solidale: tra...(18)
  2. Capo d'Orlando, Linda Liotta "espulsa" dalla lista orlandina.
    teodolindaL'attiva consigliera comunale di Capo...(81)
  3. Bilancio Consorzio Autostrade, una nota dell'assessore Falcone
    marco falcone cas autostradaL'assessore regionale alle Infrastrutture...(35)
  4. Natale a Sant'Agata, il programma delle inziative
    albero e castello gallegoCon l'installazione e l'accensione dell'albero...(40)
  5. Superstrada Patti - San Piero Patti, consegnati i lavori
    Con un documento esprime soddisfazione il...(41)
  6. Capo d'Orlando, convegno su biodiversità a Villa Piccolo
    fas4Ieri, giovedì 29 novembre 2018, si è conclusa,...(38)
  7. Sant'Agata, si riunisce stasera il Consiglio Comunale
    All'ordine del giorno, tra l'altro, mozione...(35)
Mafia dei Nebrodi: colpita una cellula mafiosa dei "Batanesi".
Venerdì 14 Dicembre 2018 07:59

ULTIM'ORA - Operazione in corso. I dettagli in conferenza stampa alle 11. Notizia in aggiornamento

I Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Messina su richiesta della locale Procura della Repubblica – D.D.A. nei confronti di 4 persone ritenute organiche al clan dei "batanesi", fazione della famiglia mafiosa di Tortorici (ME), ritenute responsabili – a vario titolo – dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, tentata estorsione e porto illegale di armi aggravati dal metodo mafioso, nonché detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Il gruppo criminale era attivo per conto dei "batanesi" nel quadrilatero compreso tra i comuni di Sant'Agata di Militello, Alcara li Fusi, Galati Mamertino e Rocca di Caprileone (ME) nella gestione delle estorsioni, del traffico di stupefacenti, e nell'acquisizione del controllo di attività economiche e imprenditoriali, sfruttando la forza intimidatrice promanante dalla fama criminale della consorteria mafiosa tortoriciana.
L'indagine condotta dal Nucleo Investigativo di Messina ha consentito di documentare la gestione di due estorsioni in danno di ditte impegnate nell'esecuzione di appalti pubblici di manutenzione stradale e di ristrutturazione del locale impianto sportivo nel comune di Rocca di Capri Leone (ME), commesse mediante attentati incendiari eseguiti presso i cantieri, nonché la disponibilità di armi utilizzate per affermare il controllo criminale sul territorio. Sono state inoltre documentate una serie di condotte di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e marijuana, attribuite agli arrestati e a 5 ulteriori indagati a piede libero.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack