Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Complesso Piraino Mare, minoranza denuncia ritardi negli interventi
    Il Gruppo consiliare Giovane e Solidale: tra...(19)
  2. Capo d'Orlando, Linda Liotta "espulsa" dalla lista orlandina.
    teodolindaL'attiva consigliera comunale di Capo...(81)
  3. Bilancio Consorzio Autostrade, una nota dell'assessore Falcone
    marco falcone cas autostradaL'assessore regionale alle Infrastrutture...(35)
  4. Natale a Sant'Agata, il programma delle inziative
    albero e castello gallegoCon l'installazione e l'accensione dell'albero...(40)
  5. Superstrada Patti - San Piero Patti, consegnati i lavori
    Con un documento esprime soddisfazione il...(41)
  6. Capo d'Orlando, convegno su biodiversità a Villa Piccolo
    fas4Ieri, giovedì 29 novembre 2018, si è conclusa,...(38)
  7. Sant'Agata, si riunisce stasera il Consiglio Comunale
    All'ordine del giorno, tra l'altro, mozione...(35)
Condanne definitive per Operazione Dolce Vita, 4 arresti
Lunedì 24 Dicembre 2018 16:21

TORTORICI ccTORTORICI - I Carabinieri della Stazione di TortoricI, hanno eseguito gli ordini di carcerazione emessi dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Messina nei confronti del 32enne T. S. S., e dei 33enni L. R. L., C. F. E. e C. C., tutti originari di Tortorici, condannati in via definitiva per i reati di estorsione aggravata continuata, lesioni personali, rissa e violenza privata in concorso, con pene comprese tra i 6 e i 9 anni, per un totale di oltre 30 anni di reclusione.

I provvedimenti di carcerazione rappresentano l'epilogo di un'attività d'indagine, svolta dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Sant'Agata Militello, che aveva permesso di accertare le condotte estorsive messe in atto nei confronti del titolare del night club "Dolce Vita" di Torrenova, nonché i reati di lesioni personali, rissa e violenza privata in concorso commessi in Castell'Umberto e Tortorici tra il settembre 2009 ed il gennaio 2010. Le indagini avevano permesso di documentare minacce e ritorsioni fisiche nei confronti del titolari e dei lavoratori dell'esercizio commerciali, che si concretizzavano in schiaffi, pugni, danneggiamenti e coercizioni fisiche.
Due dei soggetti raggiunti dai rispettivi provvedimenti cautelari, dopo le formalità di rito sono stati associati presso la Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto, mentre gli altri due si sono presentati spontaneamente presso il medesimo carcere.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack