Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Niente stipendi ai comunali, interrogazione della minoranza
    SANT'AGATA. Preoccupazione dei dipendenti che...(22)
  2. Disagi strade innevate, Gal Nebrodi sollecita Regione ed Anas
    calanna13SAN FRATELLO - "L'assessore regionale alle...(17)
  3. Raccolta rifiuti, il sindaco incontra amministratori di condomini
    incontro amministratori condominio2Sant'Agata. Ancora un passo nella capillare...(19)
  4. Letizia Passarello nominata assessore al Comune di Floresta
    Foto Letizia PassarelloSi occuperà di Cultura, Sport e Turismo, ed...(50)
  5. Attivare servizio notturno elisuperficie, mozione della minoranza
    1-elisuperficie-elisoccorso-1Sant'Agata Militello - Il gruppo di...(26)
  6. Sant'Agata, presentato il Gruppo Giorgio La Pira
    Nino Giordano Giuseppe CracòPer guardare il vido Cicca su Leggi Tutto....(22)
  7. Complesso Piraino Mare, minoranza denuncia ritardi negli interventi
    Il Gruppo consiliare Giovane e Solidale: tra...(36)
Giornata della Memoria e migranti, interessanti incontri a scuola
Sabato 02 Febbraio 2019 10:12

Pubblicazione1 - Copia 2Due interessanti iniziative organizzate dal Circolo Didattico: ad Acquedolci "Né oppressi né oppressori" e a San Fratello "Le farfalle tornano a volare". Se contro l'avanzata dell'ignoranza resta solo la scuola, ecco che l'attività organizzata per i bambini delle quinte classi della Scuola Primaria e delle terze della Secondaria di Primo grado di Acquedolci e San Fratello, ha tutto il valore dell'impegno che ogni bravo docente dovrebbe avere.
da C.S. Francesca Alascia - Palmira Mancuso

E' il caso dell' Insignante Anna Calcò e del Professore Gianni Fontana, che insieme ai colleghi ed al Dirigente Scolastico Francesco Mancuso hanno dato vita due incontri in occasione della Giornata della Memoria, coinvolgendo i bambini in una riflessione a più voci.
Le voci dei superstiti dell'Olocausto, dei nostri soldati sopravissuti all'internamento nei campi di lavoro in Germania, ma anna1anna4anche le voci dei superstiti di quello che oggi appare come un ritorno al passato più buio della nostra storia recente: i migranti, le condizioni disumane da cui fuggono, le torture nei campi libici, l'indifferenza richiamata come monito a rimanere svegli dalla senatrice Liliana Segre, che il 30 gennaio 1944 insieme alla famiglia venne deportata in treno da Milano verso il campo di sterminio nazista di Auschwitz, che raggiunse sette giorni dopo.
A dialogare con i piccoli studenti, Ciro Artale, vicepresidente dell' associazione nazionale combattenti e reduci, l'avvocato Calogero Drago, studioso degli ebrei di Sicilia, Frà Giuseppe Maggiore, francescano che ha fatto dell'accoglienza verso i più poveri e in particolare i migranti, il pilastro della sua missione; Iman Sadeq, una italiana, marocchina di seconda generazione, che studia per diventare avvocato a difesa dei diritti dei migranti; Omar Salah Hewila, egiziano, giunto in Italia dopo un viaggio della speranza 5 anni fa; Palmira Mancuso, giornalista e attivista per i diritti umani.
anna2anna3A dare il benvenuto agli ospiti, accolti con entusiasmo dai bambini, il Dirigente Scolastico Francesco Mancuso e i sindaci di Acquedolci, Avvocato Alvaro Riolo e San Fratello, Dottor.Salvatore Sidoti che insieme ai presenti hanno ascoltato anche i preziosi interventi dei piccoli studenti, che hanno preso la parola dando voce a poesie e ricordi di chi ha vissuto la prigionia, come Pavel Friedman morto nei campi di concentramento nel 1944.
Le farfalle non vivono nel ghetto. Quelle "farfalle" sono infatti tornate a volare, grazie all'attenzione dei bambini che hanno seguito con interesse la storia di Omar, la difficile traversata prima di essere tratto in salvo, il dolore di aver visto morire un ragazzino che con lui aveva intrapreso il viaggio e che non ce l'ha fatta a sopravvivere a quei giorni infernali.
Una storia dura, stemperata dalle parole di speranza di Frà Giuseppe che ha ricordato come la memoria è uno scrigno: un luogo dove conservare le emozioni belle anna5e quelle brutte, i ricordi che ci serviranno ad affrontare il presente. Perchè senza memoria non c'è opinione, e senza opinione si è facilmente preda di manipolazioni, come è accaduto quando anche in Italia il razzismo è diventato legge.
Sensibili i ragazzi dell' Istituto Comprensivo, figli di chi ha vissuto il dramma di una tragedia collettiva come è stata l'ultima frana del 2010, quando anche tra vie di San Fratello, si sono formate lunghe code di uomini e donne che hanno raccolto le cose essenziali per fuggire dal pericolo, salvando la cosa più importante: la vita.
Un parallelismo che è stato facilmente percepito, così da introdurre la testimonianza di quel che accadeva a bordo della nave Aquarius, della ong SoS mediterranee su cui è stata imbarcata come common officer la giornalista Palmira Mancuso, che ha ripercorso una storia ormai tristemente interrotta.
Le lunghe mattinate si sono concluse ad Acquedolci con una riflessione proposta dal Prof. Alfonso Di Giorgio presso l'albero del Carrubo, simbolo della memoria, e a San Fratello con un toccante momento di preghiera, in italiano e in arabo: per ricordare infine che siamo tutti fratelli di una stessa razza, quella umana.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack