1. Militello Rosmarino, finanziamenti per 2 milioni e mezzo di euro
    01 Calogero Lo ReL'assessorato regionale alle Infrastrutture ha...(11)
  2. Tusa, il sindaco Tudisca: non abbiamo diritto allo studio
    Angelo TudiscaIl primo cittadino del centro della Valle...(12)
  3. Manutenzione strade, interrogazione della Minoranza
    foto 2CAPO D'ORLANDO - Di seguito il testo integrale...(17)
  4. Vertice di maggioranza sulla Sanità, interviene l'onorevole Gullo
    mariella gulloDopo l'atteso incontro, stamattina, a Palermo...(22)
  5. Emergenza rifiuti, interviene Chiara Sterrantino di "Scuola Politica"
    chiara-sterrantino La Coordinatrice cittadina di Scuola Politica...(29)
  6. Taglio dei posti letto al Piemonte, interviene onorevole Grasso
    01 Bernadette Grasso"Apprendo con incredulità della drastica...(35)
  7. Sant'Agata, avviato l'iter per i lavori alla Scuola Capuana
    Approvato il progetto esecutivo per quasi 700...(54)
Spara contro un negozio, arrestato a Furnari
Lunedì 20 Aprile 2009 17:28
Danneggiamento, ricettazione e detenzione abusiva di arma con queste accuse è finito, stamattina, in manette, Filppo Munafò 25 anni, di Rodì Milici. Questa notte, dopo un’intensa attività di ricerca, i Carabinieri della Stazione di Furnari hanno tratto in arresto un giovane di Rodì Milici (ME) che, nella tarda serata del 19 aprile u.s., aveva esploso verosimilmente un colpo d’arma da fuoco in direzione di un locale pubblico di Furnari (ME).
I Carabinieri della Stazione erano stati attivati nella tarda serata di ieri a seguito di una richiesta di intervento pervenuta sull’utenza 112 attestata presso la Compagnia Carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto, quando un cittadino aveva segnalato l’esplosione di colpi di arma da fuoco in pieno centro abitato del comune di Furnari.
Dalle immediate indagini condotte dai Carabinieri è emerso che, MUNAFÒ Filippo, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) cl. 1985, già noto alle Forze dell’Ordine, era stato notato allontanarsi rapidamente dalla località in cui erano stati uditi i colpi d’arma da fuoco ed altresì che quest’ultimo, aveva avuto nella serata di ieri un diverbio con la propria convivente.
I Carabinieri a quel punto, avendo raccolto elementi di prova circa le responsabilità del citato MUNAFÒ, dopo una pressante attività di ricerca, protrattasi nella notte, lo rintracciavano traendolo in arresto per danneggiamento, ricettazione e detenzione abusiva di arma. Dopo le formalità di rito MUNAFÒ Filippo veniva associato alla Casa Circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’A.G..


e-max.it: your social media marketing partner
 
 
 lc
______________________
 
_____________________
 
 _____________________
 
_______________________
 
 
logopromedia
 
Associazione Professionale per la Mediazione
Sede Operativa di Capo d'Orlando
Tel. 0941.902464
Cell. 389 8877146
________________________
 
 
Joomla Templates by Joomlashack