1. Antimafia, Rosy Bindi a Messina e Barcellona
    Rosy BindiIl neo presidente della Commissione...(11)
  2. Sant'Agata, ripristinare rete idrica a Vallebruca
    Enzo ArmeliUna mozione per sollecitare il completamento...(17)
  3. Alcara, finanziati lavori caserma carabinieri
    nicola vaneria 2La Giunta Regionale presieduta dal Governatore...(9)
  4. San Fratello, Imu obbligatoria per residenti all'estero
    francesco fulia 1 1L'imposta obbligatoria per il 2014 a carico...(15)
  5. Indagini Caronia, Mancuso: occorre prudenza!
    Mancuso BrunoIl senatore del Nuovo Centro Destra interviene...(17)
  6. Sant'Agata, Rita Fachile vice capogruppo Pd
    La funzionaria comunale designata all'unanimità.(26)
  7. Donne al Governo "Renzi come Berlusconi"
    boschiLa stampa estera accusa Matteo Renzi di essere...(32)
Spara contro un negozio, arrestato a Furnari
Lunedì 20 Aprile 2009 17:28
Danneggiamento, ricettazione e detenzione abusiva di arma con queste accuse è finito, stamattina, in manette, Filppo Munafò 25 anni, di Rodì Milici. Questa notte, dopo un’intensa attività di ricerca, i Carabinieri della Stazione di Furnari hanno tratto in arresto un giovane di Rodì Milici (ME) che, nella tarda serata del 19 aprile u.s., aveva esploso verosimilmente un colpo d’arma da fuoco in direzione di un locale pubblico di Furnari (ME).
I Carabinieri della Stazione erano stati attivati nella tarda serata di ieri a seguito di una richiesta di intervento pervenuta sull’utenza 112 attestata presso la Compagnia Carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto, quando un cittadino aveva segnalato l’esplosione di colpi di arma da fuoco in pieno centro abitato del comune di Furnari.
Dalle immediate indagini condotte dai Carabinieri è emerso che, MUNAFÒ Filippo, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) cl. 1985, già noto alle Forze dell’Ordine, era stato notato allontanarsi rapidamente dalla località in cui erano stati uditi i colpi d’arma da fuoco ed altresì che quest’ultimo, aveva avuto nella serata di ieri un diverbio con la propria convivente.
I Carabinieri a quel punto, avendo raccolto elementi di prova circa le responsabilità del citato MUNAFÒ, dopo una pressante attività di ricerca, protrattasi nella notte, lo rintracciavano traendolo in arresto per danneggiamento, ricettazione e detenzione abusiva di arma. Dopo le formalità di rito MUNAFÒ Filippo veniva associato alla Casa Circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’A.G..


 
 
 lc
______________________
 
_____________________
 
_______________________
______________________
 
_______________________
 
logopromedia
 
Associazione Professionale per la Mediazione
Sede Operativa di Capo d'Orlando
Tel. 0941.902464
Cell. 389 8877146
________________________
 
 
________________________
 
Joomla Templates by Joomlashack