Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Bilancio Consorzio Autostrade, una nota dell'assessore Falcone
    marco falcone cas autostradaL'assessore regionale alle Infrastrutture...(8)
  2. Natale a Sant'Agata, il programma delle inziative
    albero e castello gallegoCon l'installazione e l'accensione dell'albero...(17)
  3. Superstrada Patti - San Piero Patti, consegnati i lavori
    Con un documento esprime soddisfazione il...(17)
  4. Capo d'Orlando, convegno su biodiversità a Villa Piccolo
    fas4Ieri, giovedì 29 novembre 2018, si è conclusa,...(21)
  5. Sant'Agata, si riunisce stasera il Consiglio Comunale
    All'ordine del giorno, tra l'altro, mozione...(20)
  6. Piraino, Gruppo Giovane e Solidale critica l'Amministrazione
    In un documento scrivono: siamo sconcertati...(20)
  7. Militello Rosmarino, avviati i lavori di manutenzione territoriale
    Militel5Il 20 novembre, a seguito di una richiesta del...(172)
Ato Messina 2, 10 avvisi di garanzia
Venerdì 30 Gennaio 2009 15:08

ato_2Bilanci gonfiati e portati a pareggio solo con l'annotazione di crediti inesistenti. L'indagine della Guardia di Finanza coordinata dal sostituto Francesco Massara del tribunale di Barcellona.

Il sostituto procuratore della repubblica del tribunale di Barcellona, Francesco Massara, ha emesso dieci avvisi di garanzia nei confronti di altrettanti amministratori e professionisti coinvolti nella gestione dell'Ato Messina 2, per falso in bilancio e false comunicazioni sociali. Al provvedimento si è giunti dopo le indagini della Guardia di Finanza di Milazzo.Gli investigatori hanno passato a setaccio tutti i documenti della Spa sin ed i bilanci 2005 e 2006, muniti delle relazioni di conformità e regolarità da parte degli organi di revisione. Sarebbe emerso
che l'equilibrio di bilancio sarebbe stato raggiunto mediante l'annotazione di crediti e attività inesistenti, per un valore di quasi 15 milioni, di cui 5 nel 2005 e 10 nel 2006. I militari avrebbero accertato che il deficit finanziario attribuito a evasori e utenti morosi rappresenta solo una parte del più ampio deficit.
Gli amministratori, prima dell'entrata in funzione della società, avrebbero contratto debiti per un milione di euro, con l'erogazione di compensi a se stessi e ad incaricati del controllo contabile, per 500mila euro l'anno, nel 2003 quanto nel 2004, anni in cui la società non operava. I finanzieri hanno inviato un rapporto alla Corte dei Conti.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Caronte 
    
 

giurimed

 
 
      
 
 
 
 
 
LCmobili
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Banner_9x5.jpg
OPTICAL
      PM_Mediazione.jpg  
 
 
 
 
 
 

giurimed.jpg

Joomla Templates by Joomlashack