Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Bilancio Consorzio Autostrade, una nota dell'assessore Falcone
    marco falcone cas autostradaL'assessore regionale alle Infrastrutture...(8)
  2. Natale a Sant'Agata, il programma delle inziative
    albero e castello gallegoCon l'installazione e l'accensione dell'albero...(17)
  3. Superstrada Patti - San Piero Patti, consegnati i lavori
    Con un documento esprime soddisfazione il...(17)
  4. Capo d'Orlando, convegno su biodiversità a Villa Piccolo
    fas4Ieri, giovedì 29 novembre 2018, si è conclusa,...(21)
  5. Sant'Agata, si riunisce stasera il Consiglio Comunale
    All'ordine del giorno, tra l'altro, mozione...(20)
  6. Piraino, Gruppo Giovane e Solidale critica l'Amministrazione
    In un documento scrivono: siamo sconcertati...(20)
  7. Militello Rosmarino, avviati i lavori di manutenzione territoriale
    Militel5Il 20 novembre, a seguito di una richiesta del...(172)
Tentata estorsione, pregiudicato in manette a Messina
Sabato 25 Novembre 2017 06:39

Un uomo di 37 anni aveva tentato di imporre il "pizzo" ad un commerciante della Zona Sud.

Carabinieri della Compagnia di Messina Sud nella giornata di ieri hanno notificato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere al pregiudicato Vincenzo ASTUTO, 37 anni, responsabile di tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso. Secondo il Gip che ha firmato il provvedimento richiesto dalla Dda, Astuto avrebbe richiesto il pagamento di 500 euro mensili ad un commerciante della zona Sud.
I fatti risalgono allo scorso agosto allorquando i militari della Stazione di Tremestieri, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo, hanno appurato attraverso un'attività d'indagine come ASTUTO aveva tentato d'imporre il pizzo ad un commerciante della zona sud della città, prospettandogli pesanti ritorsioni in caso si fosse rifiutato di pagare una somma mensile di 500 euro. Una vera e propria richiesta in stile "mafioso", giustificata anche dal passato criminale dell'uomo, già condannato per 416 bis e coinvolto nella nota operazione "Case basse" che nel luglio del 2008 ha portato dietro le sbarre 27 persone accusate di associazione mafiosa. A condurre le indagini all'epoca furono i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina che riuscirono a tracciare il nuovo organigramma mafioso che andava delineandosi in città, nella zona sud e nel rione Giostra con l'emersione dei clan capeggiati dalle famiglie Barbera e Santovito, che facevano riferimento a Marcello D'Arrigo. Promotore dell'organizzazione, secondo gli investigatori, era invece Pietro Trischitta, detenuto al 41 bis, regime di carcere duro. Dalle indagini emersero i progetti per soppiantare lo storico gruppo di Giacomo Spartà operante a Santa Lucia sopra Contesse, la preparazione di omicidi e l'asse comune con la costola del gruppo facente capo a Gaetano Barbera, ben radicata a Giostra e nella zona nord. Un curriculum criminale di tutto rispetto quello di ASTUTO, che ha tentato d'intimidire l'inerme commerciante non riuscendo però nell'intento per cause indipendenti dalla sua volontà poiché nello stesso periodo veniva arrestato in flagranza di reato per fatti analoghi. L'indagine dei carabinieri ha permesso di ricostruire la vicenda raccogliendo gravi indizi a suo carico, pienamente condivisi dall'autorità giudiziaria che ha emesso l'odierno provvedimento.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Caronte 
    
 

giurimed

 
 
      
 
 
 
 
 
LCmobili
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Banner_9x5.jpg
OPTICAL
      PM_Mediazione.jpg  
 
 
 
 
 
 

giurimed.jpg

Joomla Templates by Joomlashack