Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Politica Sant'Agata. Intervista a Giuseppe Puleo
    InterPuleoIl consigliere del Partito democratico,...(71)
  2. Sant'Agata, opposizione propone trasferimento mercato
    Consiglieri SantI consiglieri comunali Carmelo Sottile,...(51)
  3. Bio Distretto dei Nebrodi, martedì assemblea generale
    Si terrà martedì 19 Marzo alle ore 17.00,...(13)
  4. Donazione degli organi, è polemica a Messina
    donarevitaNei giorni scorsi la dottoressa Bruna Piazza,...(115)
  5. Parco dei Nebrodi, costituita l’associazione Nebrodi Outdoor
    aderenti nebrodi outdoorCostituita ufficialmente l’Associazione...(13)
  6. Legalità ambientale, giornata di festa a Troina
    la gallaVivere nel Suolo: questo il fil rouge di un...(32)
  7. Frana di Contrada Oliva, interrogazione dell'Opposizione
    Consiglieri SantAgataSANT'AGATA MILITELLO - Il gruppo consiliare di...(30)
Due arresti per stalking tra Sinagra e Gioiosa Marea
Venerdì 09 Marzo 2018 16:05

Due giovani di 27 e 26 anni, sono finiti in manette nella "Giornata della donna"

L'8 marzo, in coincidenza della giornata dedicata alle donne, ricorrenza oggi più che mai avvertita a causa dell'allarmante fenomeno della violenza di genere che troppo spesso riempie le pagine di cronaca, i Carabinieri della Compagnia di Patti ed in particolare i militari delle Stazioni di Gioiosa Marea e Sinagra, hanno dato esecuzione a due distinte ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari emesse dal GIP del Tribunale di Patti, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di due giovani ritenuti responsabili dei reati di atti persecutori e lesioni personali.
In entrambi i casi, purtroppo, le medesime dinamiche: giovani donne che subiscono maltrattamenti in costanza del loro rapporto sentimentale e l'inevitabile decisione di interrompere le relazioni quando queste si fanno insostenibili per i continui soprusi e violenze. Anche in merito alle odierne vicende, i due giovani ragazzi, non accettando l'interruzione delle relazioni sentimentali, hanno intrapreso continue e pressanti azioni vessatorie nei confronti delle rispettive ex compagne; azioni concretizzatesi in frequenti pedinamenti, minacce di morte, ingiurie e talvolta atti di violenza fisica, finanche a procurare lesioni e ad ingenerare perduranti stati di ansia e di paura.
La svolta è subentrata quando le giovani donne, temendo per la loro stessa incolumità e desiderose di riappropriarsi di una vita normale, libera da paure e condizionamenti, si rivolgevano ai militari dell'Arma delle Stazioni dei loro paesi, i quali, a loro volta, raccogliendo le denunce ed avviando tempestive indagini, anche in stretto raccordo con la task force istituita a livello di Comando Provinciale per il contrasto alla "violenza di genere", riuscivano a fornire all'Autorità Giudiziaria, in tempi celeri, tutti gli elementi investigativi necessari per l'ottenimento degli odierni provvedimenti cautelari.
In questo modo le condotte delittuose di M. S. C., messinese, classe 1991 e di A.C., pattese, classe 1992 venivano prontamente interrotte con il loro collocamento agli arresti domiciliari.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack