Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Politica Sant'Agata. Intervista a Giuseppe Puleo
    InterPuleoIl consigliere del Partito democratico,...(71)
  2. Sant'Agata, opposizione propone trasferimento mercato
    Consiglieri SantI consiglieri comunali Carmelo Sottile,...(51)
  3. Bio Distretto dei Nebrodi, martedì assemblea generale
    Si terrà martedì 19 Marzo alle ore 17.00,...(13)
  4. Donazione degli organi, è polemica a Messina
    donarevitaNei giorni scorsi la dottoressa Bruna Piazza,...(115)
  5. Parco dei Nebrodi, costituita l’associazione Nebrodi Outdoor
    aderenti nebrodi outdoorCostituita ufficialmente l’Associazione...(13)
  6. Legalità ambientale, giornata di festa a Troina
    la gallaVivere nel Suolo: questo il fil rouge di un...(32)
  7. Frana di Contrada Oliva, interrogazione dell'Opposizione
    Consiglieri SantAgataSANT'AGATA MILITELLO - Il gruppo consiliare di...(30)
Capo d'Orlando, arrestato l'autore dell'incendio al ristorante Il Gabbiano
Venerdì 09 Marzo 2018 16:10

Gabbiano FotoIn manette è finito Vincenzo Cottone, 74 anni di Capo d'Orlando. Il provvedimento, firmato dal Gip di Patti, su richiesta della Procura, è stato eseguito dai carabinieri che avevano condotto le indagini. Il pensionato, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato ai domiciliari.

I Carabinieri della Compagnia di Sant'Agata di Militello, nella giornata di ieri, hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari firmata dal G.I.P. del Tribunale di Patti, su richiesta della locale Procura della Repubblica, traendo in arresto Cottone Vincenzo, 74enne di Capo d'Orlando, per tentata estorsione, atti persecutori e danneggiamento a seguito di incendio.
Il provvedimento scaturisce a conclusione di articolate indagini svolte dai carabinieri della Stazione di Capo d'Orlando, che hanno permesso di ricostruire una serie di azioni ritorsive nei confronti di un imprenditore 67enne di Brolo, reo di essersi aggiudicato all'asta un immobile pignorato, un ex ristorante, ubicato in Capo d'Orlando, in via Trazzera Marina. Reiterate condotte illecite e minatorie poste in atto dall'arrestato, hanno comportato un perdurare stato di ansia, tanto da indurre la parte offesa a temere per la propria incolumità e rivolgersi ai Carabinieri. L'indagato, dalla ricostruzione degli inquirenti, ha svolto nei confronti della vittima una serie di minacce, pedinamenti ed atti intimidatori, finalizzate a costringerla a desistere dalla procedura d'acquisto dell'immobile in questione. L'indagato, pur di raggiungere il suo scopo, ha messo in atto azioni dimostrative di forza. In un'occasione ha aspettato l'imprenditore davanti il suo cantiere con una motosega. In altra circostanza lo minacciava con una barra di ferro. Non contento e disposto a tutto, offuscato dalla rabbia e dalla smania di vendetta, la scorsa settimana ha deciso di dare fuoco al locale.
Soltanto le immediate e professionali indagini svolte dai Carabinieri hanno consentito, nell'arco di pochi giorni, grazie alla collaborazione e tempestività dell'Autorità Giudiziaria che ha comprovato gli elementi forniti dagli investigatori, di assicurare alla giustizia il colpevole.
L'arrestato, dopo le formalità di rito, come disposto nel provvedimento restrittivo, è stato tradotto presso il proprio domicilio in regime degli arresti domiciliari.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack