Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Niente stipendi ai comunali, interrogazione della minoranza
    SANT'AGATA. Preoccupazione dei dipendenti che...(23)
  2. Disagi strade innevate, Gal Nebrodi sollecita Regione ed Anas
    calanna13SAN FRATELLO - "L'assessore regionale alle...(18)
  3. Raccolta rifiuti, il sindaco incontra amministratori di condomini
    incontro amministratori condominio2Sant'Agata. Ancora un passo nella capillare...(20)
  4. Letizia Passarello nominata assessore al Comune di Floresta
    Foto Letizia PassarelloSi occuperà di Cultura, Sport e Turismo, ed...(51)
  5. Attivare servizio notturno elisuperficie, mozione della minoranza
    1-elisuperficie-elisoccorso-1Sant'Agata Militello - Il gruppo di...(27)
  6. Sant'Agata, presentato il Gruppo Giorgio La Pira
    Nino Giordano Giuseppe CracòPer guardare il vido Cicca su Leggi Tutto....(23)
  7. Complesso Piraino Mare, minoranza denuncia ritardi negli interventi
    Il Gruppo consiliare Giovane e Solidale: tra...(36)
Gualtieri Sicaminò, insegnante d'asilo sospesa dal Giudice
Sabato 02 Giugno 2018 16:19

57ffc47d-8410-46d8-be87-66593897c14eNel pomeriggio di ieri i carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno eseguito una misura cautelare personale a carico di una maestra d'asilo, 63enne, che è stata interdetta per mesi 12 dalle funzioni e dalle attività inerenti il proprio ruolo di maestra di scuola dell'infanzia.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Barcellona P.G. – ufficio G.I.P. su richiesta della locale Procura della Repubblica, guidata dal Procuratore, Dott. Emanuele Crescenti; nello specifico le indagini condotte dai militari della Stazione Carabinieri di Pace del Mela sotto la costante direzione del Sost. Proc. Sarah Caiazzo, titolare del fascicolo processuale, sono state avviate nel mese di novembre 2017, quando alcuni genitori, nel notare anomalie comportamentali ed a volte dei turbamenti psichici dei propri figli, di tre-quattro anni, si rivolgevano ai carabinieri. Le indagini, condotte ininterrottamente per cinque mesi hanno consentito di acclarare che la destinataria del provvedimento interdittivo, incurante della minore età dei bambini, ancora infanti, a lei affidati per la custodia, istruzione ed educazione, ledeva l'integrità fisica e morale dei bambini infliggendo sofferenze, privazioni ed umiliazioni.
In particolare i militari oltre a raccogliere diverse denunce si sono adoperati nel raccogliere quante più informazioni possibili attraverso le dichiarazioni anche di altri testimoni che in maniera univoca riportavano alcuni comportamenti anomali dei minori, destinatari dei maltrattamenti. L'attività investigativa anche di natura tecnica ha consentito di evidenziare una frequenza e ripetizione delle condotte delittuose, idonea a suffragare l'ipotesi di cui all'art. 572 del codice penale. L'attività condotta rappresenta il frutto dell'ottima sinergia tra uffici di Procura e Polizia Giudiziaria che da tempo hanno avviato una campagna di sensibilizzazione per la tutela delle c.d. fasce deboli, volte ad infrenare anche il fenomeno dei maltrattamenti verso i minori.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack