Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Niente stipendi ai comunali, interrogazione della minoranza
    SANT'AGATA. Preoccupazione dei dipendenti che...(22)
  2. Disagi strade innevate, Gal Nebrodi sollecita Regione ed Anas
    calanna13SAN FRATELLO - "L'assessore regionale alle...(18)
  3. Raccolta rifiuti, il sindaco incontra amministratori di condomini
    incontro amministratori condominio2Sant'Agata. Ancora un passo nella capillare...(20)
  4. Letizia Passarello nominata assessore al Comune di Floresta
    Foto Letizia PassarelloSi occuperà di Cultura, Sport e Turismo, ed...(50)
  5. Attivare servizio notturno elisuperficie, mozione della minoranza
    1-elisuperficie-elisoccorso-1Sant'Agata Militello - Il gruppo di...(27)
  6. Sant'Agata, presentato il Gruppo Giorgio La Pira
    Nino Giordano Giuseppe CracòPer guardare il vido Cicca su Leggi Tutto....(23)
  7. Complesso Piraino Mare, minoranza denuncia ritardi negli interventi
    Il Gruppo consiliare Giovane e Solidale: tra...(36)
Residuo di pena per mafia, un arresto a Barcellona
Mercoledì 10 Ottobre 2018 08:04

CC BARCELLONAUn giovane di 26 anni deve scontare 7 anni ed 8 mesi di reclusione dopo una condanna definita a seguito dell'inchiesta denominata "Mustra". Il provvedimento di custodia firmato dalla Procura della Repubblica della Corte d'Appello di Reggio Calabria ed eseguito dai carabinieri.

Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Barcellona P.G. hanno arrestato il 26enne barcellonese V. N. A., in esecuzione di un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Reggio Calabria – Ufficio Esecuzioni Penali. L'uomo deve scontare 7 anni e 8 mesi di reclusione poiché è stato condannato, in via definitiva, per il reato di associazione mafiosa, per fatti commessi a Barcellona e Comuni limitrofi tra il 2011 ed il 2012 a seguito dell'indagine denominata "Mustra", condotta del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto. Le investigazioni avevano permesso di raccogliere gravi indizi in ordine alla sua appartenenza alla fazione più ortodossa della consorteria mafiosa, operante in Barcellona Pozzo di Gotto e sulla fascia tirrenica della provincia di Messina. Le indagini avevano, inoltre, permesso di fare luce su diversi episodi estorsivi, gravi atti intimidatori e diversi danneggiamenti ai danni di imprenditori locali, commessi, con l'aggravante del metodo mafioso, negli anni 2011 ed il 2012, dall'odierno arrestato in concorso con altri affiliati. L'uomo, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale Madia di Barcellona Pozzo di Gotto a disposizione dell'A.G..

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack