Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Politica Sant'Agata. Intervista a Giuseppe Puleo
    InterPuleoIl consigliere del Partito democratico,...(86)
  2. Sant'Agata, opposizione propone trasferimento mercato
    Consiglieri SantI consiglieri comunali Carmelo Sottile,...(54)
  3. Bio Distretto dei Nebrodi, martedì assemblea generale
    Si terrà martedì 19 Marzo alle ore 17.00,...(14)
  4. Donazione degli organi, è polemica a Messina
    donarevitaNei giorni scorsi la dottoressa Bruna Piazza,...(116)
  5. Parco dei Nebrodi, costituita l’associazione Nebrodi Outdoor
    aderenti nebrodi outdoorCostituita ufficialmente l’Associazione...(16)
  6. Legalità ambientale, giornata di festa a Troina
    la gallaVivere nel Suolo: questo il fil rouge di un...(35)
  7. Frana di Contrada Oliva, interrogazione dell'Opposizione
    Consiglieri SantAgataSANT'AGATA MILITELLO - Il gruppo consiliare di...(32)
Messina, sequestrata società che gestisce "Il veliero"
Mercoledì 28 Novembre 2018 10:01

I carabinieri hanno sequestrato il rinomato bar di Via Campo delle Vettovaglie.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Messina, su richiesta della locale DDA, riguardante il 100% delle quote sociali della società' "Il veliero 2016 s.r.l.", che gestisce l'omonimo bar sito a Messina in via Campo delle Vettovaglie n.301, poiché fittiziamente intestate alla 65enne T. C., mentre l'esercizio pubblico era in realtà gestito da suo figlio MESSINA Raimondo.
Il provvedimento scaturisce dagli ulteriori accertamenti svolti dai Carabinieri dopo l'esecuzione dei provvedimenti cautelari relativi all'operazione denominata "POLENA" del 19 luglio 2018, nel corso della quale erano stati tratti in arresto nr.8 soggetti, tra cui il suddetto MESSINA Raimondo, appartenenti a una consorteria mafiosa operante nella zona sud di Messina e riconducibile al detenuto SPARTA' Giacomo, egemone nel settore delle estorsioni e dell'usura. Dalle indagini è emerso che il bar "Il Veliero", dove molti dei soggetti arrestati a luglio erano soliti incontrarsi per discutere dei loro affari criminali, era di fatto gestito proprio dal MESSINA Raimondo, che intratteneva rapporti con i fornitori e stabiliva anche l'organizzazione del lavoro, impartendo direttive e ordini ai dipendenti.
L'intestazione delle quote sociali alla madre, invece, era soltanto uno stratagemma per eludere le disposizioni di legge relative alla confisca dei patrimoni illecitamente accumulati, essendo il MESSINA Raimondo gravati da numerosi precedenti penali.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack