Pubblicità Commerciale

marcazzo

 

 

 

 

Banner 9x5

 

 

 

 

rotelli

  1. Complesso Piraino Mare, minoranza denuncia ritardi negli interventi
    Il Gruppo consiliare Giovane e Solidale: tra...(19)
  2. Capo d'Orlando, Linda Liotta "espulsa" dalla lista orlandina.
    teodolindaL'attiva consigliera comunale di Capo...(81)
  3. Bilancio Consorzio Autostrade, una nota dell'assessore Falcone
    marco falcone cas autostradaL'assessore regionale alle Infrastrutture...(35)
  4. Natale a Sant'Agata, il programma delle inziative
    albero e castello gallegoCon l'installazione e l'accensione dell'albero...(41)
  5. Superstrada Patti - San Piero Patti, consegnati i lavori
    Con un documento esprime soddisfazione il...(41)
  6. Capo d'Orlando, convegno su biodiversità a Villa Piccolo
    fas4Ieri, giovedì 29 novembre 2018, si è conclusa,...(38)
  7. Sant'Agata, si riunisce stasera il Consiglio Comunale
    All'ordine del giorno, tra l'altro, mozione...(35)
Estorsione e truffa a 2 donne, avvocato in manette
Venerdì 30 Novembre 2018 10:19

Montalbano Elicona. I carabinieri hanno arrestato Saverio Camuti, di 52 anni

Nei Comuni di Barcellona e Melito di Porto Salvo (RC), i Carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Barcellona, su richiesta della locale Procura della Repubblica, guidata dal Procuratore Capo Emanuele Crescenti, a carico di Camuti Saverio, 52enne, avvocato del foro di Barcellona Pozzo di Gotto, ritenuto responsabile di truffa aggravata e tentata estorsione ai danni di una donna anziana, 86enne e della nipote, convivente, 28enne.

Il provvedimento restrittivo scaturisce dall'indagine, coordinata dal sostituto Procuratore Dott.ssa Rita Barbieri, avviata dalla Stazione Carabinieri di Montalbano Elicona nel mese di aprile del 2018, a seguito della denuncia – querela presentata dall'anziana vittima e dalla nipote, che hanno denunciato di essere vittime di una truffa ad opera del legale e si collega con le indagini che avevano portato all'arresto, avvenuto nel marzo 2018, di un uomo, responsabile di truffa aggravata ai danni di una coppia di anziani coniugi, residenti a Basicò, il cui figlio era scomparso nel 1993 all'età di 20 anni, poiché rimasto vittima di omicidio col metodo della lupara bianca, ad opera di esponenti della famiglia mafiosa barcellonese.

Le indagini svolte dai Carabinieri di Montalbano Elicona, attraverso l'acquisizione di testimonianze, riscontri documentali ed accertamenti sul traffico telefonico, hanno fatto emergere come l'avvocato Camuti, approfittando del rapporto fiduciario ultraventennale con la vittima, le abbia fatto sottoscrivere, nell'anno 2016, con atto pubblico, una procura per l'incasso in suo favore di due polizze assicurative, del valore di circa 5 mila Euro ciascuna, accese dalla vittima, nel 2001, presso una banca del luogo, facendole credere che le avrebbe restituito il denaro del quale, invece, si impossessava, versandolo sulla sua carta postpay per un importo complessivo, comprensivo degli interessi maturati, di oltre 15.500 euro. L'anziana vittima, negli anni seguenti, non ha ricevuto alcuna somma di denaro indietro ed il legale, continuando ad ingannarla, le ha raccontato di avere investito quelle somme senza darle però alcuna ulteriore spiegazione.
Inoltre l'uomo, continuando ad approfittare del suo ruolo di avvocato, le prospettava falsamente che vi erano ancora da pagare delle spese, legate ad una vecchia controversia civile promossa contro il marito, ormai deceduto, dell'anziana e si faceva consegnare, in più occasioni, somme contanti per un corrispettivo di oltre 800 euro.

Con il trascorrere del tempo, l'anziana donna ha richiesto ripetutamente all'avvocato la restituzione del denaro che questi diceva di avere investito, sostenuta e spronata in questa legittima richiesta dalla nipote. Il legale, comprendendo che la giovane stava aprendo gli occhi della zia incrinando la fiducia che questa aveva riposto in lui, per non restituire il denaro che si era ingiustamente intascato, ha minacciato telefonicamente la giovane rivolgendole frasi dal contenuto intimidatorio per costringerla a non intromettersi nelle vicende relative al riscatto delle polizze e per evitare che le due donne si potessero rivolgere ad un altro avvocato per recuperare il denaro sottratto.

C.S. è stato rintracciato nel comune di Melito Porto Salvo (RC) ed, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione di Barcellona Pozzo di Gotto e sottoposto alla custodia cautelare degli arresti domiciliari a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

e-max.it: your social media marketing partner
 

 

Angolo_poesia.png

 

 

Caronte

LCmobili

giurimed

PM_Mediazione.jpg
Joomla Templates by Joomlashack