Dichiarato decaduto il sindaco di Longi

Antonino Fabio primo cittadino di Longi è stato dichiarato decaduto dalla carica. Il tribunale di Patti ha accolto il ricorso del suo antagonista alle scorse elezioni, Nino Miceli. E’ la seconda volta che Fabio, dopo essere stato eletto sindaco del piccolo centro nebroideo, viene estromesso in seguito a ricorsi.

La prima volta, a marzo del 2018, la decadenza , aveva preso origine dalla carica rivestita dal fratello del sindaco, Gino, che risultava presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca di Credito Cooperativo Valle del Fitalia che gestiva  la tesoreria comunale. Successivamente erano stati rimossi i motivi di incompatibilità con l’affidamento della tesoreria a Poste Italiane. Il Tribunale ha invece ora accertato che Fabio, al momento della candidatura, era ancora incompatibile perchè la risoluzione della convenzione con la Banca del Fitalia era avvenuta in epoca successiva alla proclamazione degli eletti. Ora si tornerà ad una nuova gestione commissariale e a nuove elezioni .