L’ultima fatica di Woody Allen

vickycristinabarcelona2Il carisma e la passione hanno coinvolto il regista nella sua ultima pellicola I ‘VICKY CRISTINA BARCELONA’

 

di ESTER BATTAGLIA
L’ultimo film di Woody Allen si presenta agli spettatori sotto le vesti un’antica dinamica, quella del triangolo amoroso ma non incentrato sullo scontro, bensì sulla curiosità di sperimentare diverse situazioni al punto da stuzzicare il personaggio, ma anche se soprattutto lo spettatore. Il film narra la storia di due amiche totalmente diverse tra loro, sia nel modo di condurre la propria vita, sia nel modo di vivere l’amore e sperimentarlo.
Vicky (Rebecca Hall) ancorata e rigida nei propri principi e fedelissima all’amore per l’uomo di cui sta per diventare moglie e Cristina (Scarlett Johansson), giovane donna passionale pronta a lasciarsi travolgere dagli impulsi amorosi.
La prima riceve da amici di famiglia l’offerta di trascorrere un breve periodo in Spagna per poter approfondire i suoi studi ed inviterà Cristina per non sentirsi troppo sola. Contemporaneamente cercherà di aiutare l’amica nel superare una relazione andata male di recente. Durante il loro viaggio quest’ultima, una sera in un locale, incrocerà lo sguardo di uno de pittori più in voga del momento a Barcelona: Juan Antonio – interpretato dall’attore Javier Bardem – che in modo sfacciato e poco consono a dettami imposti dalla società le inviterà a trascorrere il week end insieme.
Prendere l’aereo personale di Juan Antonio dopo un’ora dal loro incontro per recarsi ad Oviedo dove potranno trascorrere del tempo insieme, visitare i luoghi e le tradizioni del paese e fare l’amore con lui.
A questo punto della storia sarà palese agli occhi dello spettatore lo stile di vita completamente diverso tra le due donne. La prima: pronta a rifiutare, anche disgustata, la proposta secondo i ‘Valori’ o ‘Regole’ imposte dal suo modo di vivere. La seconda: pronta ad accettare in quanto costantemente alla ricerca della novità e del brivido per poter capire meglio se stessa e la propria personalità.
Il tutto prenderà una piega che non vi riveleremo anche perché dovrete vederlo e scoprire una fantastica Penelope Cruz (nel ruolo di Maria Elena, moglie ed amore impossibile del pittore Bardem) che dal momento in cui entrerà in scena farà letteralmente scomparire la Johansson che non riuscirà a reggere il confronto.
Una Cruz che nelle espressioni di ‘pulsionalità’ erotica ed emotiva ricorda molto il personaggio da lei interpretato nella pellicola girata dal Sergio Castellitto ‘Non ti muovere’. Mentre il Juan Antonio di Bardem sarà chiaro e limpido già dalla prima inquadratura.
Woody Allen in quest’ultima commedia a sfondo amoroso e vojeristico – non tanto per i personaggi quanto per lo spettatore – si pone con lo sguardo di chi vuole vedere dove la storia possa giungere e di come spesso la ragione e le convenzioni sociali rendano i comportamenti degli esseri umani difficili e particolari da interpretare. Al punto da chiedersi, come le due protagoniste riusciranno a restare ancorate alle loro convinzioni e tradizioni? Ma soprattutto, ci riusciranno? Probabilmente l’aria spagnola della pellicola ha reso il tutto molto più intrigante, ma complimenti per un film che ha la capacità, grazie anche all’ascolto della colonna sonora, di incuriosire rendendo la visione piacevole e delicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *