Residuo di pena da scontare, tre arresti a Messina

Le condanne per detenzione di stupefacenti e tentata estorsione.

I carabinieri di Messina hanno arrestato Salvatori Culici, 33 anni perché deve scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione dopo una condanna per  detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, dopo la notifica del provvedimento, è stato rinchiuso nel carcere di Gazzi.

Agli arresti domiciliari è invece finito, su provvedimento della Procura della Repubblica della Corte di Appello di Reggio Calabria, Letterio Immormino, 47 anni . L’uomo deve scontare un residuo di pena di poco più di un anno per detenzione di droga

Quattro anni di reclusione deve invece scontarli Giuseppe Salvatore Mobilia, operaio di 31 anni. L’uomo è stato condannato per tentata estorsione. Il reato era stato commesso nel 2000. Ora è rinchiuso nel carcere di Gazzi.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *