Atti persecutori, due fratelli arrestati a Milazzo

Presa di mira l’ex fidanzata di uno dei due.

 

In manette sono finiti i fratelli S.A e A.A. di 25 e 29 anni. La notte scorsa, intorno all’una proprio nei pressi della Caserma dei carabinieri a Milazzo, i due fratelli scesi dalla loro auto si sono avventati contro un’altra marcchina, ferma sul ciglio della strada ed all’interno della quale c’erano un uomo ed una donna, entrambi di 30 anni. Il giovane sceso dalla macchina è stato colpito con calci e pugni così come la ragazza. I carabinieri allarmati dalle urla sono subito scesi in strada mentre sul posto arrivava anche una pattuglia del nucleo radiomobile ed hanno bloccato i due fratelli. Dai primi accertamenti dei militari è emerso che le due vittime, avrebbero subito atti persecutori sin dal mese di marzo 2013, quando la ragazza 30enne aveva deciso di interrompere la propria relazione sentimentale con il più giovane dei fratelli che nei mesi scorsi si sarebbe reso responsabile di reiterati episodi di violenza fisica e verbale, anche tramite sms e telefonate nei confronti della ex convivente. A questo punto per i due aggressori sono scattate le manette e trattenuti in caserma per essere giudicati con il rito direttissimo. La coppia è stata invece accompagnata al Pronto soccorso soccorso dell’ospedale milazzese, dove sono stati giudicati guaribili entrambi in 10 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *