Blitz Polizia in cantiere nautico, scoperti rifiuti pericolosi

rifiuti-speciali-torrenovaTORRENOVA – Gli agenti del Commissariato di polizia di Sant’Agata Militello, hanno posto sotto sequestro oltre 15 metri cubi di rifiuti speciali pericolosi e non, prodotti da un cantiere nautico privo di autorizzazioni ambientali. Denunciati il titolare del cantiere ed il proprietario dell’area.

Il sequestro è scattato lunedì scorso a seguito di un accertamento effettuato all’interno di un cantiere nautico per la costruzione e la riparazione di imbarcazioni da diporto, sito nel comune di Torrenova, la cui attività di gestione dei rifiuti è risultata essere priva delle prescritte autorizzazioni. All’interno del cantiere sono stati trovati rifiuti speciali (non provenienti dalle demolizioni di edifici prodotti dall’impresa edile proprietaria dell’area), rottami di imbarcazione, numerosi rifiuti speciali pericolosi, fusti e contenitori di solventi, resine e vernici di varia tipologia, scarti di lavorazione proveniente dalle riparazioni delle imbarcazioni, batterie al piombo esauste di grandi e piccole dimensioni, trucioli di legno e polveri di fibre di vetro derivate dalle attività di carteggio effettuate senza alcun sistema di raccolta. Al termine delle attività di indagine, coordinate dal sostituto procuratore di Patti, Rosanna Casabona, sono stati denunciati il titolare del cantiere nautico ed il proprietario dell’area dove ricade il citato cantiere titolare di un’impresa edile. I reati contestati sono getto pericoloso di cose ed emissione di fumi e vapori, stoccaggio illecito e deposito incontrollato di rifiuti pericolosi e non pericolosi, miscelazione di rifiuti pericolosi ed emissioni in atmosfera senza la prescritta autorizzazione. Gli agenti hanno per la prima volta applicato le nuove disposizioni in materia ambientale, introdotte con il decreto sui delitti contro l’ambiente, che in caso di illeciti che non causano un grave pericolo per l’ambiente, permettono il blocco delle attività illecite, la risoluzione immediata delle violazioni con bonifica dei luoghi e la messa in regola dell’attività. L’adempimento alle prescrizioni impartite dalla polizia permette l’archiviazione dei reati e l’interruzione del procedimento penale a seguito del pagamento amministrativo di un’ammenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *