Acquedolci, furto alla scuola di Via Diaz

Rubate casse acustiche, microfoni, aste ed amplificatori.

Forzano un infisso, si intrufolano e portano via casse acustiche, microfoni, aste ed amplificatori. Nuovo furto, scoperto stamattina, all’Istituto Comprensivo di Via Armando Diaz, ad Acquedolci. ”Mi sono insediato da qualche mese – ha dichiarato il dirigente scolastico Gerardo Guida, di origini campane – ed in tutta franchezza, sono perplesso. Ad accorgersi del furto, sono stati alcuni collaboratori della scuola, i quali, intorno alle ore 7,30, hanno contattato il sottoscritto ed al Direttore Amministrativo. Sul posto, per effettuare i rilievi, sono poi intervenuti i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dagli uomini della Scientifica della Compagnia di Santo Stefano di Camastra. A quanto pare, i ladri, per rubare alcuni strumenti didattici, hanno sfondato la porta dell’aula computer e cercato di aprire quella dell’archivio, con l’ausilio di un cacciavite, e, forse, di altri arnesi da scasso. Fortunatamente, non si sono registrati danni. Questa operazione, però, potrebbe costarci circa 3mila euro. Soldi che dobbiamo, in qualche modo, trovare, dato che il nostro istituto è a corto di quattrini. Certo, si riscontrano davvero grosse difficoltà a reperire i fondi necessari, ma, a mio parere, occorre elevare il livello di sicurezza del plesso, installando, ad esempio, un impianto di videosorveglianza. Mi risulta che, tempo fa, è stata presentata, all’amministrazione comunale, una richiesta per rafforzare le misure a difesa della scuola: a tal riguardo, ci attendiamo un impegno concreto. Fin quando non verranno presi adeguati provvedimenti – ha concluso Guida – ho disposto il trasferimento di dieci computer alla scuola di San Fratello, accorpata alla nostra”. Per la cronaca, l’Istituto Comprensivo acquedolcese, tra la fine del 2013 e gli inizi del 2014, è stato oggetto di una preoccupante escalation di furti. Allora, ignoti presero di mira la sala mensa, il laboratorio musicale, l’ufficio della presidenza e la segreteria, oltre a compiere atti vandalici, senza riuscire a trafugare nulla di significativo.
Gino Pappalardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *