Sant’Agata, il Partito democratico interviene sulla “questione bilancio”

Pd logoCari Santagatesi, – si legge in una lettera aperta diffusa ieri pomeriggio – è bene che sappiate che sono cominciate le “grandi manovre” dell’opposizione e dei fedelissimi al seguito, per impedire l’approvazione del bilancio in tempi utili per l’esercizio della spesa e per gli investimenti.

E non fatevi ingannare da chi vi racconta la favoletta che “il bilancio di previsione a Dicembre non serve a niente perché tanto ormai quello che si doveva spendere si è speso”; perché sono gli stessi che dopo qualche settimana vi diranno che servizi indispensabili per voi e per i vostri figli non sono possibili perché il bilancio è stato approvato in ritardo…! Esattamente come è accaduto un anno fa!
E’ un film che abbiamo già visto l’anno scorso, in occasione della approvazione del bilancio 2015, che l’opposizione consiliare sempre attenta a qualche “copia–incolla” sbagliato confezionato più o meno sbadatamente da alcuni uffici, che solo con straordinaria fantasia si poteva ritenere un ostacolo, è riuscita – con i propri numeri determinanti in Consiglio – a non consentire l’approvazione del Bilancio di Previsione prima del Gennaio 2016…
E quindi anche quest’anno ricomincia il pianto greco del Bilancio. Preceduto dalle mille note di segnalazione a tutti gli enti sovraordinati del mondo di chi, da mesi, con straordinaria lungimiranza ed incredibile acume, ma sarebbe il caso di dire con vere e proprie doti da chiaroveggente, ha puntato il dito contro la Giunta; e preceduto soprattutto dalla solita manfrina insopportabile di chi prima lamenta l’impossibilità di “chiudere” la bozza di bilancio perché “sforato” di fantastigliardi di euro e poi, a fine Ottobre, tira fuori il solito coniglio dal cilindro e con inchini, applausi a scena aperta e lancio di rose sul palcoscenico,ci mostra il fatidico “ZERO”da fare approvare allaGiunta. Et voilà le jeux sont fait. I giochi sono fatti.
E infatti, cari Santagatesi, anche quest’anno vi stanno giocando.
Poi però nessuno si domanda perché il coniglio non si trovava un mese prima o due mesi prima; dove diavolo si era andato a cacciare questo coniglio. Perché nessuno lo cercava. Chi si doveva occupare di cercarlo (o di farlo cercare) e non lo ha fatto con sufficiente convinzione e perché. Sono sempre misteri della fede, intorno ai quali siamo portati ad essere piuttosto agnostici. Noi crediamo – almeno nella politica e non nella vita spirituale – a credere in quello che vediamo e tocchiamo. Guardando alle esperienze passate, tendiamo a formarci un convincimento per le cose future.In questo caso, siamo purtroppo portati a pensare cheanche quest’anno, tra delibere di Giunta propedeutiche al bilancio istruite in modo “imperfetto” da funzionari solitamente “perfettini”, diversi “copia-incolla” portatori di qualche strafalcione irrilevante e qualche emendamento di due o tre parole, per i quali saranno necessari sicuramente tutti i giorni previsti dal regolamento fino all’ultimo, alla fine, anche questo bilancio di previsione vedrà la luce dopo Capodanno. Si può sperare che non finisca così? Si può sperare che qualcuno abbia un sussulto di amore per questa Città che si vuole per forza radere al suolo? Non ci speriamo. Ma magari, come cantavano Morandi & Lavezzi, alla fine “SUCCEDE”.

Circolo PD Sant’Agata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *