Caronia, seminario sulla Biodiversità nel territorio dei Nebrodi

La manifestazione riservata agli alunni dell’Istituto Agrario.

Importanza della Biodiversità delle colture erbacee ed arboree del territorio dei Nebrodi> è stato il tema dell’interessante seminario che si è svolto mercoledì scorso presso l’Istituto Tecnico Agrario di Caronia, sede associata dell’I.I.S. A. Manzoni di Mistretta, promosso dallo stesso Istituto, in collaborazione con l’Ente Parco dei Nebrodi e la Banca Vivente del Germoplasma Vegetale dei Nebrodi, nell’ambito della programmazione delle attività di fruizione e formazione. L’opportunità di studio, rivolta agli allievi delle terze e quarte classi dell’Istituto è stata curata con entusiasmo dal dott. Ignazio Digangi, direttore della Banca Vivente del Germoplasma di Ucria, dalla prof.ssa Liliana Mammana e dalla prof.ssa Piera Ricciardi.

Nel corso dei lavori è stata sottolineata l’importanza della biodiversità vegetale che riveste per la sopravvivenza dell’umanità, fonte di cibo e di medicine, la cui salvaguardia e tutela costituisce una delle finalità istituzionale dell’Ente Parco dei Nebrodi. Infatti, proprio quest’ultimo, ha realizzato a Ucria la Banca Vivente del Germoplasma Vegetale, con l’annesso “Giardino dei Semplici”, con il supporto tecnico-scientifico del Dipartimento STEBICEF dell’Università degli Studi di Palermo e dedicato al botanico Padre Bernardino da Ucria (1739-1796) per la conservazione ex situ della biodiversità presente nei Nebrodi e nel territorio siciliano, preservandola dall’erosione genetica.

Interesse ha suscitato anche la variabilità genetica di piante coltivate presente sui Nebrodi, in parte è “conservata” nella Banca Vivente, dove sono presenti attività di collezioni di diverse specie di piante di grande interesse scientifico, come le oltre 60 cultivar locali di fagiolo; oltre un centinaio di cultivar locali di frutti di fico, pero, melo, nocciolo, mandorlo, ciliegio, piante officinali di origine mediterranea,circa 30 specie di salvie originarie da diverse parti del Pianeta ,40 entità di camelie ed altre ancora. Evidenziata anche l’attività dell’azienda dello stesso Istituto Tecnico Agrario di Caronia, dove sono esistenti dei campi, uno di piante madri e uno di collezioni di cultivar locali di pesco, albicocco e susino, realizzati di recente dal Parco con i finanziamenti del PSR Sicilia 2007/2013, gestiti dalle due Istituzioni che oltre a conservare la biodiversità sono validissimo “laboratorio “in outdoor per gli allievi dell’Istituto.

Per il Commissario dell’Ente Parco dei Nebrodi, dott Gianluca Ferlito è prioritaria la formazione dei tecnici titolati a svolgere l’attività di conservazione del patrimonio genetico del territorio, con in prima linea il Parco al fianco delle Istituzioni scolastiche e fornire concrete risposte- anche in termini occupazionali , alle giovani generazioni e ha manifestato, infine, l’ ampia disponibilità ad attuare le prime attività a scuola e presso la sede della Banca vivente del germoplasma Vegetale dei Nebrodi di Ucria.

 Santina Folisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *