Acquedolci, alla presenza del Vescovo di Patti Giombanco “Cori in festa”

Nella coincidenza della solennità di Cristo Re dell’Universo, si è svolto, domenica scorsa, il II incontro dei “Cori in festa”, dal tema “La mia lode a Cristo Re della Gloria”, che ha radunato i cori delle parrocchie della Diocesi di Patti, con mons. Gugliemo Giombanco, ospitato,quest’anno, dalla Chiesa Madre di Acquedolci, stracolma di fedeli.
Ad aprire l’evento religioso, Padre Luigi Santoro , che ha rilevato l’importanza del canto per scorgere la bellezza e la santità di Dio.
Poi, il sac.,don Antonio Carcione, direttore dell’ufficio liturgico diocesano, ha evidenziato il valore fondante del coro e della musica sacra nella comunità il cui compito, che richiede impegno e sacrificio, è quello di evangelizzare, educare , favorire la preghiera e ha dispensato consigli ai coristi.
In un clima di ascolto e con cuori aperti sono stati accolti i 12 cori che, ciascuno con caratteristiche proprie ha espresso la propria preghiera di Lode al Signore . Nel dettaglio, ecco i cori della Diocesi che si sono esibiti:
Corale Parrocchiale (Parrocchia S. Benedetto il Moro) di Acquedolci; “Mater Dei”(Parrocchia Maria SS. Della Catena) di Castel di Tusa; Sancte Bartholomei(Parrocchia San Bartolomeo Cattedrale) di Patti; Maria SS.Annunziata-Maria SS.Assunta (Parrocchie Maria SS. Annunziata e Maria SS..Assunta) di Castell’Umberto-Sfaranda ;”Maria SS.Annunziata”(Parrocchia Maria SS.Annunziata) di Brolo ; Corale Polifonica di Caprileone (Parrocchia Maria SS.Assunta); “Interparrocchiale Cantate domino” (Parrocchia Santi Filippo e Giacomo) di Naso; Coro giovani “Chiara Luce (Parrocchia Santa Maria del Carmelo) di S.Agata di Militello; “Lorenzo Perosi “(Parrocchia Santa Maria del Carmelo) di S.Agata di Militello;” Caterina Grimaldi”(Parrocchia S. Nicolo’ di Bari) di Caronia; S. Nicolò e San Giacomo di Capizzi (Parrocchia SS.Nicolò e Giacomo); “Cantiamo al Signore”(Parrocchia Maria SS. delle Grazie ) di Castel di Lucio.
A conclusione di ogni esibizione monsignor Giombanco ha consegnato l’attestato di partecipazione, si è compiaciuto di vedere , in ogni coro, l’espressione della vita di preghiera delle comunità e ha esortato a lodare il Signore con gioia e entusiasmo, facendo crescere la sensibilità del canto sacro.
Quindi, il solenne momento della celebrazione eucaristica , da lui presieduta, nella cui omelia,ha spiegato i forti significati della Solennità di Cristo Re, Signore Re dell’Universo che rappresenta la fine di un cammino che introduce l’avvento. Ha invitato, dunque, i fedeli ad accogliere e lasciarsi attrarre dalla regalità di Cristo, dalla sua Signoria nella mente e nel cuore per entrare in “un regno di pace, verità, amore , luci di ogni esistenza umana”.
Santina Folisi