Espiazione pene residue, due arresti a Messina

I carabinieri della Stazione di Messina Giostra, hanno arrestato una donna di 47 anni, V.A. che dovrà scontare tre anni di reclusione ai domiciliari per tentata estorsione ed usura. I fatti risalgono al 2007. Il provvedimento dopo la condanna della donna è stato emesso dalla Procura della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali.  .

I Carabinieri di Bordonaro, hanno invece arrestato il 29enne B.D. già sottoposto agli arresti domiciliari, poiché condannato alla pena di 2 anni e 6 mesi in quanto ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata commessa nel febbraio 2018.

L’uomo, è stato rintracciato dai militari dell’Arma che hanno eseguito l’ordine di carcerazione, della Procura Generale della Repubblica presso la Corte Di Appello di Messina,  e rinchiuso nel carcere di Gazzi.